Passa ai contenuti principali

ARTE


" Quando mi metto davanti al grande cartone bianco che andrò ad imbrattare, quasi sempre so come cominciare per seguire l'ispirazione che mi ha portato lì davanti...

Senza tentennamenti inizio ma poi durante l'esecuzione ci possono essere dgli errori o delle insoddisfazioni rispetto a ciò che era nel pensiero originario che mi  spingono a cercare altro o meglio a scoprirlo, perchè magari già s'è mostrato ma non sono riuscito né ad indentificarlo né ad interpretarlo ...

Bisogna essere pronti ad aggiustare subito lo sguardo, inventarsi gli utensili e la tecnica che serve per assecondarlo ...

L'arte spesso è un mestiere che via via s'impara, magari anche da soli, diventa quasi un 'artigianato, un fare creativo duro, comprovato, asservito al pensiero ...  

Le circostanze spesso determinano il metodo da adottare, il tempo per pensare e realizzare... 

Quasi mai inizio un 'opera e non la concludo in giornata. 

Di solito mi esprimo con il gesto fatto di slancio, di forza, di passione ... 

Rifletto anche ma spesso è troppo tardi per modificare, appianare, cancellare,  rimettere meglio a posto ...

L'inutile a volte può rivelarsi utile, come l'accidente, la macchia, lo strappo, è quindi l' elasticità creativa, dovuta alla consapevolezza del déjà vu storico e naturale che ti permette di inglobare o no senza quasi mai sbagliare.


Il dipinto si compie atraverso un fare deciso, lo sguardo è attento, segue il cervello in trance...

La bellezza, è una sostanza che si avverte fuori, dentro e attorno l'opera, così anche l'opposto; vittoria o sconfitta a poca distanza, luna dall'altra...

Quando sento di aver scaricato tutto quel che sentivo sul cartone bianco,  di averlo reso quasi leggibile , di aver raccontato una nuova storia o la prosecuzione di un'altra già iniziata, allora metto la parola fine. È soltanto una sensazione ma è rara , a volte abbastanza appagante, altre addirittura unica, accompagnata da una sentimento di stupore, di essere riuscito a compiere nel modo migliore ciò che mi sembrava inizialmente soltanto una visione perlopiù caotica, magmatica, caotica, complessa, irraggiungibile...

Ogni volta, non sono minimamente sicuro di arrivare a una qualsiasi meta, il traguardo finale , quello auspicato è sempre una chimera... "

Sergio Carlacchiani
 

-----------------------------------------------------

30 anni di creazioni artistiche del sottoscritto: una piccola scelta che va dal 1985 al 2015 senza svelare l'anno di esecuzione di ogni dipinto    





                 --------------------------------------         

                                     DEMONI











                                              


                                             





                                          















































                   ALTRI DIPINTI VARI...






























































































































































































































































































































































































































 SEGUE...




                                              

                                                                           ARTE 


" Sono un'artista interdisciplinare, attraverso le ragioni del mio operare servendomi di linguaggi, forme e materiali, sempre diversi, affermando così l'identità come entità complessa e frammentata, secondo i modi di una sorta di eclettismo che non si preoccupa tanto della “coerenza stilistica”, quanto dell’intimo legame, ogni volta da inventare e scoprire, tra idea e materia, tra la forma e la sua ragion d’essere. "





" L'arte è uno strumento di conoscenza, è una finestra sul mondo

L'arte è il modo speciale di pensare, sognare e comunicare dell’artista.



 L'arte e l’artista hanno sempre avuto più d’un problema nella società…



L’arte, oggi, non deve tanto rappresentare qualcuno o qualcosa, ma presentare se stessa, la sua bellezza e la sua forza dirompente.



Il problema dell’arte non sta nella sua difficile diffusione e comprensibilità, come qualcuno asserisce, o nella cialtroneria fuorviante di qualche “addetto ai lavori” ma in assoluto, nella negligenza e nella volgarità della stragrande maggioranza della società civile e delle istituzioni che degnamente la rappresentano.



Tempo e denaro per l’arte e la cultura mancano ed intanto cresce l’im /Mondo dell’immondizia e il consumo di essa: diventeremo presto escrementi soltanto, da incenerire e riporre su una scatola di “conserva” appena aperta… "





Sergio Carlacchiani












------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Questi alcuni musei e biblioteche dove sono presenti " QUADRI DI PAROLE" e  "QUADRI DI PAROLE 2 ":






















------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------














 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







 SULL' OPERA PITTORICA DI UN ARTISTA CHE NON SI CONSIDERA PITTORE, 1989




-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



                                   -----------------------------------------------------------------------



                                    DISINQUINAMENTE




Francesco Maria Orsolini, " DISINQUINAMENTE ", 1993





 
 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





ALCUNE RECENSIONI RIGUARDANTI LE OPERE E IL FARE ARTISTICO DI SERGIO CARLACCHIANI





      Francesca Pietracci, " CIRCUS " , 1993



 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




            NEL VIVO DELLA RICERCA







 Lucio Del Gobbo, " " Nel vivo della ricerca" , 1995






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------











-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 "SERGIO CARLACCHIANI E LA VARIETÀ DEGLI ASPETTI DELLA SUA ARTE "
                 
 
 






  -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



1997















-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




                                       POETA / PERFORMER


Lucio Del Gobbo , " OSSERVATORIO ", 1997


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




2001 Quasi un presentimento generale ...







-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









2003 - Armando Ginesi. Su " L'Angelo Francesco










-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




SERGIO CARLACCHIANI E LE SUE STRAORDINARIE CAPACITÀ DI VOLO ...

Non è cosa semplice ritagliare la personalità artistica di Sergio Carlacchiani ( alias, Sergio Pitti) nel contesto in cui opera; si potrebbe definire attore, poeta, alchimista, sognatore, inventore di immagini, trasvolatore  e scopritore di mondi inesplorati (dentro e fuori di sé ) e certamente artista, perché questo di volta in volta egli s’industria ad essere. La sua insofferenza ad assumere un’etichetta esclusiva deriva dalla coscienza che la condizione più  felice di un lavoro creativo è, per chi lo esercita, di non sentirsi a tutti i costi "addetto"  e dunque costretto solo ad un ruolo. Partito con la poesia e definitosi  "poeta performer"  sin dal '73, egli ha subito avvertito, anche per la frequentazione e l’influsso di amici attori musicisti pittori e poeti, l'esigenza di fissare le immagini del proprio universo esplorando quel ter­ritorio di confine dove l’idea, la parola inventata oltre ché  di signifi­cato prendono consistenza ed autonomia di suono, di segno, di colore,  e diventano scenario sensibile e persino visibile. La poesia visiva, in origine, aveva fatto da tramite a questo suo approccio, poi confermatosi sempre più consistente e ricco di possibilità e di “scoperte”.Tra le sue invenzioni più suggestive riguardo alla visività  si ricordano: i “Ceppi e zinchi”, specie di ready-made depurati di ogni intento contestatario, che semplicemente connotavano sue precedenti esperienze di lavoro da cui il senso estetico e l’istinto concettuale traevano materia trasfigurata; le "carte informali", consistenti in cartoni di notevoli dimensioni, invasi ed animati dal dilagare e dal fondersi dei colori;  i graffiti e le  tracce di colore, o semplicemente di nero dato a spray alla maniera dei writers,  configurati in ombre e corpi procedenti, nel capitolo di "Solitudini e  spiritelli"; gli esperimenti concettuali, del tipo: “Poesie da pattumiera"  o "Poesie in liquidazione", in cui la scrittura poetica trasmutava in forma oggettuale e plastica all’interno di contenitori che non è chiaro se servissero a conservarla, la poesia, oppure semplicemente ad avviarla al macero come “raccolta differenziata”, e tale ambiguità niente altro voleva essere se non una contestazione indiscriminata, oltre ché un' amara riflessione, sulle sorti correnti della poesia e del sentire in generale. Esperienze improntate a straordinaria mobilità, composte a " capitoli brevi" ( dipinti ma non troppo, Paes-agi-su-reali, Marine, Cristo, Solo come un cane ma libero come un cavallo...) ognuno dei quali agganciato ad episodi di vita reale ed a periodi contrassegnati da invenzioni linguistiche considerate esaltanti. Poteva insorgere un sospetto di disarticolata eterogeneità e di incostanza? Forse sì, ma entrando nel merito tutto appariva  integrato all’interno di una capacità  inventiva tumultuosa, vissuta con intensità ed onestà tali da fugare ogni dubbio. Ha ragione Carlacchiani a persistere in questa sua mobilità, comunque obbediente a un fondamento poetico profondo e coerente, ed a disporre di ciò  che gli appartiene ed anche di quel che non gli appartiene, purché necessario ad esprimere ciò che sente, che ha dentro, radicato e intimamente suo, per il quale, a suo dire, si giocherebbe qualsiasi sicurezza, compreso se stesso. La passione è la sua  garanzia a non essere  frainteso: è l'impressione che si riceve ascoltando le sue dichiarazioni ma soprattutto conoscendone l’opera. La pittura, nella sua instancabile ricerca, era ed è una delle "ap­pendici" attraverso cui si realizza quella sensazione di glo­balità  ed universalità che egli mette a fondamento di ogni sua opera. Più  che di tecnica in tutti i suoi lavori pittorici si deve parlare di “scelta”, perché  in effetti gli straordinari ri­sultati a cui perviene non dipendono  da elaborazioni tradizionali o da tecnologie apprese, bensì  da tentativi suffragati da uno spiccatissimo senso di avventura e poi, non secondaria, da una notevole capacità  di selezione. Sebbene il caso abbia un suo ruo­lo nella stimolazione inventiva,  ed il senso estetico agisca da setaccio e riconduca quasi fatalmente ogni risultato a una conclusiva armonia, non si può  comunque parlare di esteti­smo, per una ragione molto semplice: anche questi elementi, la bellezza e il caso, vengono assunti nello sviluppo creativo come componenti di realtà, addendi di un processo  entro cui l'oggetto artistico quasi naturalmente germina e si sviluppa. Si conferma in tutto ciò la stessa attitudine alla performance che Carlacchiani rivelava agli inizi; tutto si ascrive nella stessa logica di estemporaneità  e di provvidenzialità. Naturalmente il sistema oltre agli automatismi accennati ha riferimenti profondi. Innanzitutto la motivazione autobiografica: ogni sensazione sembra ricondursi alla sfera personale; nel complesso le o­pere appaiono come resoconti di stati d'ani­mo, di emozioni, e di un bisogno pressante di riflessione e memorizzazione. Anche se Carlacchiani ritiene di riuscire a reprimere la componente autobiografica, che considera di intralcio a una visione più ecumenica, essa permane a caratterizzare una buona parte delle sue scelte espressive. Accettabile come vizio poetico! Ma entrano nel processo anche meccanismi subconsci, assieme a potenzia­lità  razionali. Le figure emergono come ectoplasmi da una presunta casualità, dalla primordialità  del gesto e da una tensione che non viene mai meno. In ciascuna fase della ricerca  si delinea un percorso che va dall'impressione del caos al chiarimento subliminale; con il segno, con il colore, attraverso un faticoso e ostinato processo di decantazione e di sintesi. Dalle immagini si sprigiona una visionarietà  che suggeri­sce l'idea dell’inusitato, del miracoloso, del cosmico. Non è  appropriato, in ogni caso,  parlare di "irrealtà" o di astrazione; nella proposta di Carlacchiani si interse­cano "il reale visibile" e "il reale invisibile". E costante è l’impegno di testimoniare come alla realtà  visibile, quella che cade sotto lo sguardo di ognuno e che ordinariamente costituisce il reale, si contrapponga una realtà  spirituale altrettanto reale, e persino dominante.L’arcano di una divinità che si nasconde e che appare in modo inatteso è un’altra costante della sua poetica.Nel periodo più recente, successivo ad una esperienza traumatica che ha fatto vivere a Carlacchiani il terribile disagio e lo smarrimento di una temporanea amnesia, capace persino di negare il possesso e la consapevolezza di una identità personale (come un emigrante in una terra di nessuno!), si è prodotta un’accentuazione di questo aspetto poetico. Affiorano nel suo immaginario angeli e demoni, il paradiso e l’inferno, la solitudine totale ed il conforto infinito dell’amore, di una vicinanza che non tradisce e che orienta intimamente la visione e i sentimenti.  Le sue opere pittoriche più  belle in assoluto sono legate a questa tematica. In alcune il demone mostra con l'angelo una comune origine di bellezza, e incrementa il suo fascino attraverso l’ambiguità d’una profonda  torbidezza: l’avvolge una luce corrotta, deviata ma non meno fulgida e accecante. L'autore esita a stabilire se siano esseri già condannati o nella condizione residua d’una salvezza. Richiamandosi all’Apocalisse di Giovanni, egli contrappone a tale sconvolgente insicurezza la figura femminile, vista di spalle, nell’atteggiamento di chi conforta e guida verso approdi sicuri. Un ché di materno e di dolce conferisce a questa immagine un tepore sacrale, che rassicura. Anche questa presenza, ispirata chiaramente alla Madonna, è inserita in un paesaggio indefinito, grandioso e “cosmico”: un richiamo a quegli aspetti della natura che l'uomo scruta per avere un'idea e l'intuizione di ciò  che sfugge alla sua normale perce­zione: l'impressione estatica di un incontro con il soprannaturale. Sono cicli di opere già iniziati prima dell’incidente cui si è accennato, e poi ripresi con l’entusiasmo ed il compiacimento di riconoscersi ancora capace di dipingere allo stesso modo di prima. Questo è Carlacchiani, questa la sua pittura, questa la sua avventura artistica. A descriverla si rischia di apparire retorici o ridondanti, ma di fronte al suo entusiasmo non si può fare a meno di lasciarsi coinvolgere e condividere appieno le ragioni. E poi ci sono le opere a garantire per lui, del suo essere artista e delle sue straordinarie capacità di volo. In fondo, la garanzia più vera!



Lucio Del Gobbo, 2009




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------













----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





















----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




A proposito dell' opera di Sergio Carlacchiani, alias Sergio Pitti.



LE MERAVIGLIOSE SCHEDE DI CLAUDIO NALLI
E DEI SUOI " CORRISPONDENTI INTERNAZIONALI ... "

 
































-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------



VIDEO di Claudio Nalli a proposito di Sergio Carlacchiani e di alcuni suoi amici artisti...

A cultural, social creative document that represents art of Marche current through three well-known artists: S. Carlacchiani, A. Cartuccia, G. Perfetti.(final version HIGH DEFINITION, we recommend using headphones)











Claudio Nalli
Nasce e si prepara culturalmente a Macerata. La formazione accademica tradizionale e quella universitaria gli consentono di approdare a un mondo dell’arte stratificato e di ampio respiro che non tralascia nulla e che spazia dall’attività di insegnante di discipline artistiche e storico artistiche a quella decennale espositiva; dalla collaborazione con riviste d’arte antica e contemporanea alla organizzazione/allestimento di esposizioni; dagli studi approfonditi sui beni culturali locali alla produzione video più sperimentale.
Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private italiane. La sua estetica si sintetizza nella frase: “Ogni stile è utile e apprezzabile finché spinge l’individuo alla libertà di pensiero e d’azione senza le quali non si crea nulla”.
http://www.youtube.com/user/treeredx?feature=results_main
http://claudionalli3.wix.com/claudionalli





 ___________________________________________________



Il pittore Sergio Carlacchiani mentre dipinge, fotografato da Riccardo Minnucci










 

01.jpg
01

02.jpg
02

03.jpg
03

04.jpg
04

05.jpg
05

06.jpg
06

07.jpg
07

08.jpg
08

09.jpg
09

10.jpg
10

11.jpg
11

12.jpg
12

13.jpg
13

14.jpg
14

15.jpg
15

16.jpg
16

17.jpg
17

18.jpg
18

19.jpg
19

20.jpg
20

21.jpg
21

22.jpg
22

23.jpg
23

24.jpg
24

25.jpg
25

26.jpg
26

27.jpg
27

28.jpg
28

29.jpg-








--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 Le carte oliate e i dipinti con il solfato di bario.

 

































































 

 --------------------------------------------------------------


--------------------------------------------------------------               


                          diSOGNI


Illustri artisti in passato si sono occupati di tradurre pittoricamente i propri sogni, per esempio Marc Chagall . Leggendo le sue memorie mi ha colpito particolarmente la sua attenzione verso l’ aspetto visionario e surreale della realtà, verso il sogno che irrompe nell’esperienza notturna ma che irradia nella mente e nel ricordo e, da questo, nel “fare” artistico. Da sempre mi ritengo un grande sognatore in tutti i sensi ma mai ero riuscito a capire l’importanza di essi e quale dovesse essere in sostanza la  loro funzione. Adesso che da circa sei mesi quasi tutte le notti sogno, mi sveglio,prendo appunti,mi riaddormento e alle prime luci dell’alba traduco il tutto in “fare artistico”,ovvero realizzo i miei diSOGNI , ho scoperto con fatica ma con altrettanto piacere,la loro anche  per me affascinante funzione. Alberto Savinio, un altro artista che di sogni certo se ne intendeva,dichiarava : “ Per capire i sogni non dobbiamo portare nel sogno la nostra sapienza,ma lasciare che il sogno porti in noi la sua sapienza” , infatti più questo circolo viurtuoso che si è instaurato in me si prolunga, più “cresco”,”m’alleggerisco” e così le mie opere. Da me, figlio del mondo,l’inconscio senza paura finalmente emerge, si stampa in un’opera di cartone, si specchia ,si riconosce, evoca, emoziona, simula, tradisce…

Sergio Carlacchiani


                      --------------------------------------------------------------------------------




Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2000 al 2009 circa.








DiSOGNO 1.jpg
DiSOGNO 1

DiSOGNO 2.jpg
DiSOGNO 2

DiSOGNO 3.jpg
DiSOGNO 3

DiSOGNO 4.jpg
DiSOGNO 4

DiSOGNO 5.jpg
DiSOGNO 5

DiSOGNO 6.jpg
DiSOGNO 6

DiSOGNO 7.jpg
DiSOGNO 7

DiSOGNO 8.jpg
DiSOGNO 8

DiSOGNO 9.jpg
DiSOGNO 9

DiSOGNO 10.jpg
DiSOGNO 10

DiSOGNO 11.jpg
DiSOGNO 11

DiSOGNO 12.jpg
DiSOGNO 12

DiSOGNO 13.jpg
DiSOGNO 13

DiSOGNO 14.jpg
DiSOGNO 14

DiSOGNO 15.jpg
DiSOGNO 15

DiSOGNO 16.jpg
DiSOGNO 16

DiSOGNO 17.jpg
DiSOGNO 17

DiSOGNO 18.jpg
DiSOGNO 18

DiSOGNO 19.jpg
DiSOGNO 19

DiSOGNO 20.jpg
DiSOGNO 20

DiSOGNO 21.jpg
DiSOGNO 21

DiSOGNO 22.jpg
DiSOGNO 22

DiSOGNO 23.jpg
DiSOGNO 23

DiSOGNO 24.jpg
DiSOGNO 24

DiSOGNO 25.jpg
DiSOGNO 25

DiSOGNO 26.jpg
DiSOGNO 26

DiSOGNO 27.jpg
DiSOGNO 27

DiSOGNO 28.jpg
DiSOGNO 28

DiSOGNO 29.jpg
DiSOGNO 29

DiSOGNO 30.jpg
DiSOGNO 30

DiSOGNO 31.jpg
DiSOGNO 31

DiSOGNO 32.jpg
DiSOGNO 32

DiSOGNO 33.jpg
DiSOGNO 33

DiSOGNO 34.jpg
DiSOGNO 34

DiSOGNO 35.jpg
DiSOGNO 35

DiSOGNO 36.jpg
DiSOGNO 36

DiSOGNO 37.jpg
DiSOGNO 37

DiSOGNO 38.jpg
DiSOGNO 38

DiSOGNO 39.jpg
DiSOGNO 39

DiSOGNO 40.jpg
DiSOGNO 40

DiSOGNO 41.jpg
DiSOGNO 41

DiSOGNO 42.jpg
DiSOGNO 42

DiSOGNO 43.jpg
DiSOGNO 43

DiSOGNO 44.jpg
DiSOGNO 44

DiSOGNO 45.jpg
DiSOGNO 45

DiSOGNO 46.jpg
DiSOGNO 46

DiSOGNO 47.jpg
DiSOGNO 47

DiSOGNO 48.jpg
DiSOGNO 48

DiSOGNO 49.jpg
DiSOGNO 49

DiSOGNO 50.jpg
DiSOGNO 50

DiSOGNO 51.jpg
DiSOGNO 51

DiSOGNO 52.jpg
DiSOGNO 52

DiSOGNO 53.jpg
DiSOGNO 53

DiSOGNO 54.jpg
DiSOGNO 54

DiSOGNO 55.jpg
DiSOGNO 55

DiSOGNO 56.jpg
DiSOGNO 56

DiSOGNO 57.jpg
DiSOGNO 57

DiSOGNO 58.jpg
DiSOGNO 58

DiSOGNO 59.jpg
DiSOGNO 59

DiSOGNO 60.jpg
DiSOGNO 60

DiSOGNO 61.jpg
DiSOGNO 61

DiSOGNO 62.jpg
DiSOGNO 62

DiSOGNO 63.jpg
DiSOGNO 63

DiSOGNO 64.jpg
DiSOGNO 64

DiSOGNO 65.jpg
DiSOGNO 65

DiSOGNO 66.jpg
DiSOGNO 66

DiSOGNO 67.jpg
DiSOGNO 67

DiSOGNO 68.jpg
DiSOGNO 68

DiSOGNO 69.jpg
DiSOGNO 69

DiSOGNO 70.jpg
DiSOGNO 70

DiSOGNO 71.jpg
DiSOGNO 71

DiSOGNO 72.jpg
DiSOGNO 72

DiSOGNO 73.jpg
DiSOGNO 73

DiSOGNO 74.jpg
DiSOGNO 74

DiSOGNO 75.jpg
DiSOGNO 75

DiSOGNO 76.jpg
DiSOGNO 76

DiSOGNO 77.jpg
DiSOGNO 77

DiSOGNO 78.jpg
DiSOGNO 78

DiSOGNO 79.jpg
DiSOGNO 79

DiSOGNO 80.jpg
DiSOGNO 80

DiSOGNO 81.jpg
DiSOGNO 81

DiSOGNO 82.jpg
DiSOGNO 82

DiSOGNO 83.jpg
DiSOGNO 83

DiSOGNO 84.jpg
DiSOGNO 84

DiSOGNO 85.jpg
DiSOGNO 85

DiSOGNO 86.jpg
DiSOGNO 86

DiSOGNO 87.jpg
DiSOGNO 87

DiSOGNO 88.jpg
DiSOGNO 88

DiSOGNO 89.jpg
DiSOGNO 89

DiSOGNO 90.jpg
DiSOGNO 90

DiSOGNO 91.jpg
DiSOGNO 91

DiSOGNO 92.jpg
DiSOGNO 92

DiSOGNO 93.jpg
DiSOGNO 93

DiSOGNO 94.jpg
DiSOGNO 94

DiSOGNO 95.jpg
DiSOGNO 95

DiSOGNO 96.jpg
DiSOGNO 96

DiSOGNO 97.jpg
DiSOGNO 97

DiSOGNO 98.jpg
DiSOGNO 98

DiSOGNO 99.jpg
DiSOGNO 99

DiSOGNO 100.jpg
DiSOGNO 100

DiSOGNO 101.jpg
DiSOGNO 101

DiSOGNO 102.jpg
DiSOGNO 102

DiSOGNO 103.jpg
DiSOGNO 103




































































p




































-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




                                   Fiori Dandy



Il mio fiore, dandy perché? Intanto perché come diceva Oscar Wilde è leggermente improbabile.
Poi perché, come l’uomo dandy, assolve perfettamente al suo dovere di essere artificiale, si fa studiare rieleborare e alterare. Poi perché il mio fiore è sobrio, sontuoso, bello, accattivante e allo stesso tempo inafferrabile, distante, freddo, terribile. Questo fiore può essere interpretato come la rappresentazione naturale del dandy; nasce dall’acqua, dagli acquitrini, dalla terra, dal fango; nascosto, cresce, s’incurva, si rialza, flette, alla fine maturo alla luce, colorato, privo di spine, bellissimo, delicato, dona anche a chi non la sa cogliere, a regola d’arte, la sua splendida poesia…

Sergio Carlacchiani









Sergio Carlacchiani e i suoi Fiori Dandy
Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2006 al 2011 circa.

Fiori Dandy op.01.jpg
Fiori Dandy op.01

Fiori Dandy op.02.jpg
Fiori Dandy op.02

Fiori Dandy op.03.jpg
Fiori Dandy op.03

Fiori Dandy op.04.jpg
Fiori Dandy op.04

Fiori Dandy op.05.jpg
Fiori Dandy op.05

Fiori Dandy op.06.jpg
Fiori Dandy op.06

Fiori Dandy op.07.jpg
Fiori Dandy op.07

Fiori Dandy op.08.jpg
Fiori Dandy op.08

Fiori Dandy op.09.jpg
Fiori Dandy op.09

Fiori Dandy op.10.jpg
Fiori Dandy op.10

Fiori Dandy op.11.jpg
Fiori Dandy op.11

Fiori Dandy op.12.jpg
Fiori Dandy op.12

Fiori Dandy op.13.jpg
Fiori Dandy op.13

Fiori Dandy op.14.jpg
Fiori Dandy op.14

Fiori Dandy op.15.jpg
Fiori Dandy op.15

Fiori Dandy op.16.jpg
Fiori Dandy op.16

Fiori Dandy op.17.jpg
Fiori Dandy op.17

Fiori Dandy op.18.jpg
Fiori Dandy op.18

Fiori Dandy op.19.jpg
Fiori Dandy op.19

Fiori Dandy op.20.jpg
Fiori Dandy op.20

Fiori Dandy op.21.jpg
Fiori Dandy op.21

Fiori Dandy op.22.jpg
Fiori Dandy op.22

Fiori Dandy op.23.jpg
Fiori Dandy op.23

Fiori Dandy op.24.jpg
Fiori Dandy op.24

Fiori Dandy op.25.jpg
Fiori Dandy op.25

Fiori Dandy op.26.jpg
Fiori Dandy op.26

Fiori Dandy op.27.jpg
Fiori Dandy op.27

Fiori Dandy op.28.jpg
Fiori Dandy op.28

Fiori Dandy op.29.jpg
Fiori Dandy op.29

Fiori Dandy op.30.jpg
Fiori Dandy op.30

Fiori Dandy op.31.jpg
Fiori Dandy op.31

Fiori Dandy op.32.jpg
Fiori Dandy op.32

Fiori Dandy op.33.jpg
Fiori Dandy op.33

Fiori Dandy op.34.jpg
Fiori Dandy op.34

Fiori Dandy op.35.jpg
Fiori Dandy op.35

Fiori Dandy op.36.jpg
Fiori Dandy op.36

Fiori Dandy op.37.jpg
Fiori Dandy op.37

Fiori Dandy op.38.jpg
Fiori Dandy op.38

Fiori Dandy op.39.jpg
Fiori Dandy op.39

Fiori Dandy op.40.jpg
Fiori Dandy op.40

Fiori Dandy op.41.jpg
Fiori Dandy op.41

Fiori Dandy op.42.jpg
Fiori Dandy op.42

Fiori Dandy op.43.jpg
Fiori Dandy op.43

Fiori Dandy op.44.jpg
Fiori Dandy op.44

Fiori Dandy op.45.jpg
Fiori Dandy op.45

Fiori Dandy op.46.jpg
Fiori Dandy op.46

Fiori Dandy op.47.jpg
Fiori Dandy op.47

Fiori Dandy op.48.jpg
Fiori Dandy op.48

Fiori Dandy op.49.jpg
Fiori Dandy op.49

Fiori Dandy op.50.jpg
Fiori Dandy op.50

Fiori Dandy op.51.jpg
Fiori Dandy op.51

Fiori Dandy op.52.jpg
Fiori Dandy op.52

Fiori Dandy op.53.jpg
Fiori Dandy op.53

Fiori Dandy op.54.jpg
Fiori Dandy op.54

Fiori Dandy op.55.jpg
Fiori Dandy op.55

Fiori Dandy op.56.jpg
Fiori Dandy op.56

Fiori Dandy op.57.jpg
Fiori Dandy op.57

Fiori Dandy op.58.jpg
Fiori Dandy   op.58

Fiori Dandy op.59.jpg
Fiori Dandy op.59

Fiori Dandy op.60.jpg
Fiori Dandy op.60






















 





































--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Selezione di CAMPI DI FIORI dal 2009 al 2012                            
Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2009 al 2012 circa. 







Campo di Fiori 01.jpg
Campo di Fiori 01

Campo di Fiori 02.jpg
Campo di Fiori 02

Campo di Fiori 03.jpg
Campo di Fiori 03

Campo di Fiori 04.jpg
Campo di Fiori 04

Campo di Fiori 05.jpg
Campo di Fiori 05

Campo di Fiori 06.jpg
Campo di Fiori 06

Campo di Fiori 07.jpg
Campo di Fiori 07

Campo di Fiori 08.jpg
Campo di Fiori 08

Campo di Fiori 09.jpg
Campo di Fiori 09

Campo di Fiori 10.jpg
Campo di Fiori 10

Campo di Fiori 11.jpg
Campo di Fiori 11

Campo di Fiori 12.jpg
Campo di Fiori 12

Campo di Fiori 13.jpg
Campo di Fiori 13

Campo di Fiori 14.jpg
Campo di Fiori 14

Campo di Fiori 15.jpg
Campo di Fiori 15

Campo di Fiori 16.jpg
Campo di Fiori 16

Campo di Fiori 17.jpg
Campo di Fiori 17

Campo di Fiori 18.jpg
Campo di Fiori 18

Campo di Fiori 19.jpg
Campo di Fiori 19

Campo di Fiori 20.jpg
Campo di Fiori 20

Campo di Fiori 21.jpg
Campo di Fiori 21

Campo di Fiori 22.jpg
Campo di Fiori 22

Campo di Fiori 23.jpg
Campo di Fiori 23

Campo di Fiori 24.jpg
Campo di Fiori 24

Campo di Fiori 25.jpg
Campo di Fiori 25

Campo di Fiori 26.jpg
Campo di Fiori 26

Campo di Fiori 27.jpg
Campo di Fiori 27

Campo di Fiori 28.jpg
Campo di Fiori 28

Campo di Fiori 29.jpg
Campo di Fiori 29

Campo di Fiori 30.jpg
Campo di Fiori 30

Campo di Fiori 31.jpg
Campo di Fiori 31

Campo di Fiori 32.jpg
Campo di Fiori 32

Campo di Fiori 33.jpg
Campo di Fiori 33

Campo di Fiori 34.jpg
Campo di Fiori 34

Campo di Fiori 35.jpg
Campo di Fiori 35

Campo di Fiori 36.jpg
Campo di Fiori 36

Campo di Fiori 37.jpg
Campo di Fiori 37

Campo di Fiori 38.jpg
Campo di Fiori 38

Campo di Fiori 39.jpg
Campo di Fiori 39

Campo di Fiori 40.jpg
Campo di Fiori 40

Campo di Fiori 41.jpg
Campo di Fiori 41

Campo di Fiori 42.jpg
Campo di Fiori 42

Campo di Fiori 43.jpg
Campo di Fiori 43

Campo di Fiori 44.jpg
Campo di Fiori 44

Campo di Fiori 45.jpg
Campo di Fiori 45

Campo di Fiori 46.jpg
Campo di Fiori 46

Campo di Fiori 47.jpg
Campo di Fiori 47

Campo di Fiori 48.jpg
Campo di Fiori 48

Campo di Fiori 49.jpg
Campo di Fiori 49

Campo di Fiori 50.jpg
Campo di Fiori 50

Campo di Fiori 51.jpg
Campo di Fiori 51

Campo di Fiori 52.jpg
Campo di Fiori 52






























 


 


















---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Il critico Lucio Del Gobbo a proposito degli Angeli Custodi e della Madre Celeste di Sergio Carlacchiani


L’arcano di una divinità che si nasconde e che appare in modo inatteso è una costante della poetica di Sergio Carlacchiani. Nel periodo più recente, successivo ad una esperienza traumatica che gli ha fatto vivere il terribile disagio e lo smarrimento di una temporanea amnesia, capace persino di negare il possesso e la consapevolezza di una identità personale (come un emigrante in una terra di nessuno!), in Carlacchiani si è prodotta un’accentuazione di questo aspetto poetico. Affiorano nel suo immaginario angeli e demoni, il paradiso e l’inferno, la solitudine totale ed il conforto infinito dell’amore, di una vicinanza che non tradisce e che orienta intimamente la visione e i sentimenti.  Le sue opere pittoriche più  belle in assoluto sono legate a questa tematica. In alcune il demone mostra con l'angelo una comune origine di bellezza, e incrementa il suo fascino attraverso l’ambiguità d’una profonda  torbidezza: l’avvolge una luce corrotta, deviata ma non meno fulgida e accecante. L'autore esita a stabilire se siano esseri già condannati o nella condizione residua d’una salvezza. Richiamandosi all’Apocalisse di Giovanni, egli contrappone a tale sconvolgente insicurezza la figura femminile, vista di spalle, nell’atteggiamento di chi conforta e guida verso approdi sicuri. Un ché di materno e di dolce conferisce a questa immagine un tepore sacrale, che rassicura. Anche questa presenza, ispirata chiaramente alla Madonna, è inserita in un paesaggio indefinito, grandioso e “cosmico”: un richiamo a quegli aspetti della natura che l'uomo scruta per avere un'idea e l'intuizione di ciò  che sfugge alla sua normale percezione: l'impressione estatica di un incontro con il soprannaturale. Sono cicli di opere già iniziati prima dell’incidente cui si è accennato, e poi ripresi con l’entusiasmo ed il compiacimento di riconoscersi ancora capace di dipingere allo stesso modo di prima.

Lucio Del Gobbo


                             ...............................................................................








                        ANGELI CUSTODI




























 























 















 







 









 


























 






ANGELI CUSTODI E MADRE CELESTE O CELESTE SIGNORA
Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza del  dipinto...
Questa è una selezione di dipinti eseguiti da Sergio Carlacchiani dal 2000 al 2006 circa; 
perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, 
su fogli di cartone spesso che misurano 70x 100 cm.



Angelo Custode 01.jpg
Angelo Custode 01

Angelo Custode 02.jpg
Angelo Custode 02

Angelo Custode 03.jpg
Angelo Custode 03

Angelo Custode 04.jpg
Angelo Custode 04

Angelo Custode 05.jpg
Angelo Custode 05

Angelo Custode 06.jpg
Angelo Custode 06

Angelo Custode 07.jpg
Angelo Custode 07

Angelo Custode 08.jpg
Angelo Custode 08

Angelo Custode 09.jpg
Angelo Custode 09

Angelo Custode 10.jpg
Angelo Custode 10

Angelo Custode 11.jpg
Angelo Custode 11

Angelo Custode 12.jpg
Angelo Custode 12

Angelo Custode 13.jpg
Angelo Custode 13

Angelo Custode 14.jpg
Angelo Custode 14

Angelo Custode 15.jpg
Angelo Custode 15

Angelo Custode 16.jpg
Angelo Custode 16

Angelo Custode 17.jpg
Angelo Custode 17

Angelo Custode 18.jpg
Angelo Custode 18

Angelo Custode 19.jpg
Angelo Custode 19

Angelo Custode 20.jpg
Angelo Custode 20

Angelo Custode 21.jpg
Angelo Custode 21

Angelo Custode 22.jpg
Angelo Custode 22

Angelo Custode 23.jpg
Angelo Custode 23

Angelo Custode 24.jpg
Angelo Custode 24

Angelo Custode 25.jpg
Angelo Custode 25

Angelo Custode 26.jpg
Angelo Custode 26

Angelo Custode 27.jpg
Angelo Custode 27

Angelo Custode 28.jpg
Angelo Custode 28

Angelo Custode 29.jpg
Angelo Custode 29

Angelo Custode 30.jpg
Angelo Custode 30

Angelo Custode 31.jpg
Angelo Custode 31

Angelo Custode 32.jpg
Angelo Custode 32

Angelo Custode 33.jpg
Angelo Custode 33

Angelo Custode 34.jpg
Angelo Custode 34

Angelo Custode 35.jpg
Angelo Custode 35

Angelo Custode 36.jpg
Angelo Custode 36

Angelo Custode 37.jpg
Angelo Custode 37

Angelo Custode 38.jpg
Angelo Custode 38

Angelo Custode 39.jpg
Angelo Custode 39

Angelo Custode 40.jpg
Angelo Custode 40

Angelo Custode 41.jpg
Angelo Custode 41

Angelo Custode 42.jpg
Angelo Custode 42

Angelo Custode 43.jpg
Angelo Custode 43

Angelo Custode 44.jpg
Angelo Custode 44

Angelo Custode 45.jpg
Angelo Custode 45

Angelo Custode 46.jpg
Angelo Custode 46

Angelo Custode 47.jpg
Angelo Custode 47

Angelo Custode 48.jpg
Angelo Custode 48

Angelo Custode 49.jpg
Angelo Custode 49

Angelo Custode 50.jpg
Angelo Custode 50

Angelo Custode 51.jpg
Angelo Custode 51

Angelo Custode 52.jpg
Angelo Custode 52

Angelo Custode 53.jpg
Angelo Custode 53

Angelo Custode 54.jpg
Angelo Custode 54

Angelo Custode 55.jpg
Angelo Custode 55

Angelo Custode 56.jpg
Angelo Custode 56

Angelo Custode 57.jpg
Angelo Custode 57

Angelo Custode 58.jpg
Angelo Custode 58

Angelo Custode 59.jpg
Angelo Custode 59

Angelo Custode 60.jpg
Angelo Custode 60

Angelo Custode 61.jpg
Angelo Custode 61

Angelo Custode 62.jpg
Angelo Custode 62

Angelo Custode 63.jpg
Angelo Custode 63

Angelo Custode 64.jpg
Angelo Custode 64

Angelo Custode - Francesco.jpg
Angelo Custode - Francesco

Angelo Custode - Lucifero 01.jpg
Angelo Custode - Lucifero 01

Angelo Custode - Lucifero 02.jpg
Angelo Custode - Lucifero 02

Angelo Custode - Lucifero 03.jpg
Angelo Custode - Lucifero 03

Angelo Custode - Lucifero 04.jpg
Angelo Custode - Lucifero 04

Angelo Custode - Lucifero 05.jpg
Angelo Custode - Lucifero 05

Angelo Custode - Lucifero 06.jpg
Angelo Custode - Lucifero 06

Angelo Custode - Lucifero 07.jpg
Angelo Custode - Lucifero 07

Angelo Custode - Lucifero 08.jpg
Angelo Custode - Lucifero 08

Angelo Custode - Lucifero 09.jpg
Angelo Custode - Lucifero 09

Angelo Custode - Lucifero 10.jpg
Angelo Custode - Lucifero 10

Angelo Custode - Lucifero 11.jpg
Angelo Custode - Lucifero 11

Angelo Custode - Lucifero 12.jpg
Angelo Custode - Lucifero 12

Angelo Custode - Lucifero 13.jpg
Angelo Custode - Lucifero 13

Angelo Custode - Lucifero 14.jpg
Angelo Custode - Lucifero 14

Angelo Custode - Lucifero 15.jpg
Angelo Custode - Lucifero 15

Angelo Custode - Lucifero 16.jpg
Angelo Custode - Lucifero 16

Angelo Custode - Lucifero 17.jpg
Angelo Custode - Lucifero 17

Angelo Custode - Lucifero 18.jpg
Angelo Custode - Lucifero 18

Angelo Custode - Lucifero 19.jpg
Angelo Custode - Lucifero 19

Angelo Custode - Lucifero 20.jpg
Angelo Custode - Lucifero 20

Angelo Custode - Lucifero 21.jpg
Angelo Custode - Lucifero 21

Angelo Custode - Lucifero 22.jpg 
Angelo Custode - Lucifero 22

La Celeste Signora op.01.jpg
La Celeste Signora op.01

La Celeste Signora op.02.jpg
La Celeste Signora op.02

La Celeste Signora op.03.jpg
La Celeste Signora op.03

La Celeste Signora op.04.jpg
La Celeste Signora op.04

La Celeste Signora op.05.jpg
La Celeste Signora op.05

La Celeste Signora op.06.jpg
La Celeste Signora op.06

La Celeste Signora op.07.jpg
La Celeste Signora op.07

La Celeste Signora op.08.jpg
La Celeste Signora op.08

La Celeste Signora op.09.jpg
La Celeste Signora op.09

La Celeste Signora op.10.jpg
La Celeste Signora op.10

La Celeste Signora op.11.jpg
La Celeste Signora op.11

La Celeste Signora op.12.jpg
La Celeste Signora op.12

La Celeste Signora op.13.jpg
La Celeste Signora op.13

La Celeste Signora op.14.jpg
La Celeste Signora op.14

La Celeste Signora op.15.jpg
La Celeste Signora op.15

La Celeste Signora op.16.jpg
La Celeste Signora op.16

La Celeste Signora op.17.jpg
La Celeste Signora op.17

La Celeste Signora op.18.jpg
La Celeste Signora op.18

La Celeste Signora op.19.jpg
La Celeste Signora op.19

La Celeste Signora op.20.jpg
La Celeste Signora op.20

La Celeste Signora op.21.jpg
La Celeste Signora op.21

La Celeste Signora op.22.jpg
La Celeste Signora op.22

La Celeste Signora op.23.jpg
La Celeste Signora op.23

La Celeste Signora op.24.jpg
La Celeste Signora op.24

La Celeste Signora op.25.jpg
La Celeste Signora op.25

La Celeste Signora op.26.jpg
La Celeste Signora op.26

La Celeste Signora op.27.jpg
La Celeste Signora op.27

La Celeste Signora op.28.jpg
La Celeste Signora op.28

La Celeste Signora op.29.jpg
La Celeste Signora op.29

La Celeste Signora op.30.jpg
La Celeste Signora op.30

La Celeste Signora op.31.jpg
La Celeste Signora op.31

La Celeste Signora op.32.jpg
La Celeste Signora op.32

La Celeste Signora op.33.jpg
La Celeste Signora op.33







MADRE CELESTE
Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2006 al 2013 circa.




































-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



                   CRISTO E LA CROCE


 







Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 1996 al 2005 circa. 





























































                             ANGELI
                                                   Selezione di opere










Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2006 al 2010 circa.























------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 SOLO COME UN CANE MA LIBERO COME UN CAVALLO







Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite nel 2010 circa.

















----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


VASI ANIMATI
  Selezione di opere





Le foto purtroppo non sempre rendono " giustizia" alla bellezza dei dipinti, essi sono 
eseguiti perlopiù a tecnica mista, con smalti acrilici, su fogli di cartone spesso 
che misurano 70x 100 cm. Sono opere esesguite negli anni che vanno dal 2006 al 2010 circa.































































----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



                      SIAMO SULLA STESSA BARCA...




                                     ------------------------------------------------------------

 " Mentre si viaggia nel solco della terra, nell' azzurro dei mari e dei cieli, ci si spalanca una finestra di sapienza, si intuisce la pendolarità della condizione umana... Incomparabile l’eterno rimpianto e al medesimo tempo l’incurabile struggimento che tutti ci spinge sempre avanti, sempre altrove, senza nessuna certezza di approdo, verso la fine o un nuovo inizio..."

Sergio Carlacchiani

                           




















“Oh, radure erbose! Oh, infiniti paesaggi dell’anima, sempre primaverili! In voi, sebbene da tempo abbruciati dalla siccità mortale della vita terrestre, in voi, gli uomini ancora possono voltolarsi, come giovani cavalli, la mattina, nel trifoglio nuovo, e per alcuni fuggevoli momenti sentirsi dentro la fresca rugiada della vita immortale. Volesse Dio che queste calme benedette durassero. Ma i fili della vita mischiati e mischianti sono intessuti nell’ordito e nella trama: le calme si incrociano con le tempeste, una tempesta per ogni calma. Non esiste nella vita un autentico progresso costante, noi non avanziamo per gradi fissi, fermandoci all’ultimo: attraverso l’incosciente incanto dell’infanzia, la fede spensierata della fanciullezza, il dubbio dell’adolescenza (condanna comune), poi lo scetticismo, poi l’incredulità, noi ci adagiamo finalmente nella virilità, nella quiete meditativa dei Se. Ma una volta fatto il cammino ricominciamo daccapo, e siamo bambini, ragazzi, uomini e Se in eterno. Ma dov’è il porto finale da cui non leveremo più l’ancora? In quale estatico etere veleggia quel mondo di cui i più stanchi non saranno mai stanchi? Dov’è nascosto il padre del trovatello? Le nostre anime sono come quegli orfani, le cui madri nubili sono morte dandoli alla luce: il segreto della nostra primogenitura giace nelle loro tombe, e dobbiamo andare là per conoscerlo.”

 Herman Melville



------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




                       PARTITURE 2013

















































--------------------------------------------------------------





--------------------------------------------------------------





OPERE ULTIME, VARIE, dal 2010/2013...
















 
 





 




 



























 --------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------






























































ARCHIVIO OPERE dal 1980 ad oggi...

ARCHIVIO OPERE dal 1980 ad oggi...

ARCHIVIO OPERE dal 1980 ad oggi...

ARCHIVIO OPERE dal 1980 ad oggi...

ARCHIVIO OPERE dal 1980 ad oggi...  




                --------------------------------------------------

        Selezione di opere realizzate dal 1980 al 1995










































































































































































































marina 12.jpg
marina 12

marina 13.jpg
marina 13

marina 14.jpgmarina 10.jpg
marina 14

marina 15.jpg
marina 15

marina 16.jpg
marina 16

marina 17.jpg
marina 17

marina 18.jpg
marina 18

marina 19.jpg
marina 19

Opera del passato 01.jpg
Opera del passato 01

Opera del passato 02.jpg
Opera del passato 02

Opera del passato 03.jpg
Opera del passato 03

Opera del passato 04.jpg
Opera del passato 04

Opera del passato 05.jpg
Opera del passato 05

Opera del passato 06.jpg
Opera del passato 06

Opera del passato 07.jpg
Opera del passato 07

Opera del passato 08.jpg
Opera del passato 08

Opera del passato 09.jpg
Opera del passato 09

Opera del passato 10.jpg
Opera del passato 10

Opera del passato 11.jpg
Opera del passato 11

Opera del passato 12.jpg
Opera del passato 12

Opera del passato 13.jpg
Opera del passato 13

Opera del passato 14.jpg
Opera del passato 14

Opera del passato 15.jpg
Opera del passato 15

Opera del passato 16.jpg
Opera del passato 16

Opera del passato 17.jpg
Opera del passato 17

Opera del passato 18.jpg
Opera del passato 18

Opera del passato 19.jpg
Opera del passato 19

Opera del passato 20.jpg
Opera del passato 20

Opera del passato 21.jpg
Opera del passato 21

Opera del passato 22.jpg
Opera del passato 22

Opera del passato 23.jpg
Opera del passato 23

Opera del passato 24.jpg
Opera del passato 24

Opera del passato 25.jpg
Opera del passato 25

Opera del passato 26.jpg
Opera del passato 26

Opera del passato 27.jpg
Opera del passato 27

Opera del passato 28.jpg
Opera del passato 28

Opera del passato 29.jpg
Opera del passato 29

Opera del passato 30.jpg
Opera del passato 30

Opera del passato 31.jpg
Opera del passato 31

Opera del passato 32.jpg
Opera del passato 32

Opera del passato 33.jpg
Opera del passato 33

OPera del passato 34.jpg
OPera del passato 34

Opera del passato 35.jpg
Opera del passato 35

Opera del passato 36.jpg
Opera del passato 36

Opera del passato 37.jpg
Opera del passato 37

Opera del passato 38.jpg
Opera del passato 38

Opera del passato 39.jpg
Opera del passato 39

Opera del passato 40.jpg
Opera del passato 40

Opera del passato 41.jpg
Opera del passato 41

Opera del passato 42.jpg
Opera del passato 42

Opera del passato 43.jpg
Opera del passato 43

Opera del passato 44.jpg
Opera del passato 44

Opera del passato 45.jpg
Opera del passato 45

Opera del passato 46.jpg
Opera del passato 46

Opera del passato 47.jpg
Opera del passato 47

Opera del passato 48.jpg
Opera del passato 48

Opera del passato 49.jpg
Opera del passato 49

Opera del passato 50.jpg
Opera del passato 50

Opera del passato 51.jpg
Opera del passato 51

Opera del passato 52.jpg
Opera del passato 52

Opera del passato 53.jpg
Opera del passato 53

Opera del passato 54.jpg
Opera del passato 54

Opera del passato 55.jpg
Opera del passato 55

Opera del passato 56.jpg
Opera del passato 56

Opera del passato 57.jpg
Opera del passato 57

Opera del passato 58.jpg
Opera del passato 58

Opera del passato 59.jpg
Opera del passato 59

Opera del passato 60.jpg
Opera del passato 60

Opera del passato 61.jpg
Opera del passato 61

Opera del passato 62.jpg
Opera del passato 62

Opera del passato 63.jpg
Opera del passato 63

Opera del passato 64.jpg
Opera del passato 64

Opera del passato 65.jpg
Opera del passato 65

Opera del passato 66.jpg
Opera del passato 66

Opera del passato 67.jpg
Opera del passato 67

Opera del passato 68.jpg
Opera del passato 68

Opera del passato 69.jpg
Opera del passato 69

Opera del passato 70.jpg
Opera del passato 70

Opera del passato 71.jpg
Opera del passato 71

Opera del passato 72.jpg
Opera del passato 72

Opera del passato 73.jpg
Opera del passato 73

Opera del passato 74.jpg
Opera del passato 74

Opera del passato 75.jpg
Opera del passato 75

Opera del passato 76.jpg
Opera del passato 76

Opera del passato 77.jpg
Opera del passato 77

Opera del passato 78.jpg
Opera del passato 78

Opera del passato 79.jpg
Opera del passato 79

Paes agi su reali copertina.jpgPaes agi su reali 1.jpg
Paes agi su reali 1

Paes agi su reali 2.jpg
Paes agi su reali 2

Paes agi su reali 3.jpg
Paes agi su reali 3



















---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





Introduzione ai  DiSEGNI

La tecnica che ho usato e ciò vale del resto per quasi tutta la mia produzione artistica, non è ortodossa, in quanto è risaputo che non ho voluto mai usare la tela come supporto e sicuramente  mai apprendere seriamente le tecniche tradizionali. Non ho mai frequentato scuole o istituti d’arte anche perché mai ho creduto di saper disegnare o averne la passione. Da tutto ciò si evince che non mi definisco di certo un pittore accademico, forse performer? Negli anni comunque ho continuato a disegnare sino a raggiungere anche qualche buon risultato estetico e concettuale, almeno così dicono alcuni critici  e il gentile pubblico che è venuto a visitare le mie mostre. Ritornando alla tecnica, per i DiSEGNI non ho usato altro che carta copiativa, ovvero lei  è stata il mio carboncino e perlopiù le mie dita sopra di essa, la mia matita, ecco tutto!

Sergio Carlacchiani







                                     DiSEGNI


                                                 Selezione di opere



































































Chiedo scusa per le foto scattate in quegli anni in modo anche fortunoso e improvvisato, chiaramente al di là dell' effetto luce , posso assicurare che quelle più rispondenti al vero sono quelle più chiare, infatti le opere sono tutte su carta, cartoncino, foglietti ecc... tutti bianchi e il disegno è sempre nero, effetto carboncino. Le opere sono state eseguite negli anni che vanno dal 1990 sino al 2000 circa.

Demone1.jpg
Demone1

Demone2.jpg
Demone2

Demone3.jpg
Demone3

Demone4.jpg
Demone4

Demone5.jpg
Demone5

Demone6.jpg
Demone6

Demone7.jpg
Demone7

Demone8.jpg
Demone8

Demone9.jpg
Demone9

DiSEGNO 1.jpg
DiSEGNO 1

DiSEGNO 2.jpg
DiSEGNO 2

DiSEGNO 3.jpg
DiSEGNO 3

DiSEGNO 4.jpg
DiSEGNO 4

DiSEGNO 5.jpg
DiSEGNO 5

DiSEGNO 6.jpg
DiSEGNO 6

DiSEGNO 7.jpg
DiSEGNO 7

DiSEGNO 8.jpg
DiSEGNO 8

DiSEGNO 9.jpg
DiSEGNO 9

DiSEGNO 10.jpg
DiSEGNO 10

DiSEGNO 11.jpg
DiSEGNO 11

DiSEGNO 12.jpg
DiSEGNO 12

DiSEGNO 13.jpg
DiSEGNO 13

DiSEGNO 14.jpg
DiSEGNO 14

DiSEGNO 15.jpg
DiSEGNO 15

DiSEGNO 16.jpg
DiSEGNO 16

DiSEGNO 17.jpg
DiSEGNO 17

DiSEGNO 18.jpg
DiSEGNO 18

DiSEGNO 19.jpg
DiSEGNO 19

DiSEGNO 20.jpg
DiSEGNO 20

DiSEGNO 21.jpg
DiSEGNO 21

DiSEGNO 22.jpg
DiSEGNO 22

DiSEGNO 23.jpg
DiSEGNO 23

DiSEGNO 24.jpg
DiSEGNO 24

DiSEGNO 25.jpg
DiSEGNO 25

DiSEGNO 26.jpg
DiSEGNO 26

DiSEGNO 27.jpg
DiSEGNO 27

DiSEGNO 28.jpg
DiSEGNO 28

DiSEGNO 29.jpg
DiSEGNO 29

DiSEGNO 30.jpg
DiSEGNO 30

DiSEGNO 31.jpg
DiSEGNO 31

DiSEGNO 32.jpg
DiSEGNO 32

DiSEGNO 33.jpg
DiSEGNO 33

DiSEGNO 34.jpg
DiSEGNO 34

DiSEGNO 35.jpg
DiSEGNO 35

DiSEGNO 36.jpg
DiSEGNO 36

DiSEGNO 37.jpg
DiSEGNO 37

DiSEGNO 38.jpg
DiSEGNO 38

DiSEGNO 39.jpg
DiSEGNO 39

DiSEGNO 40.jpg
DiSEGNO 40

DiSEGNO 41.jpg
DiSEGNO 41

DiSEGNO 42.jpg
DiSEGNO 42

DiSEGNO 43.jpg
DiSEGNO 43

DiSEGNO 44.jpg
DiSEGNO 44

DiSEGNO 45.jpg
DiSEGNO 45

DiSEGNO 46.jpg
DiSEGNO 46

DiSEGNO 47.jpg
DiSEGNO 47

DiSEGNO 48.jpg
DiSEGNO 48

DiSEGNO 49.jpg
DiSEGNO 49

DiSEGNO 50.jpg
DiSEGNO 50

DiSEGNO 51.jpg
DiSEGNO 51

DiSEGNO 52.jpg
DiSEGNO 52

DiSEGNO 53.jpg
DiSEGNO 53

DiSEGNO 54.jpg
DiSEGNO 54

DiSEGNO 55.jpg
DiSEGNO 55

DiSEGNO 56.jpg
DiSEGNO 56

DiSEGNO 57.jpg
DiSEGNO 57

DiSEGNO 58.jpg
DiSEGNO 58

DiSEGNO 59.jpg
DiSEGNO 59

DiSEGNO 60.jpg
DiSEGNO 60

DiSEGNO 61.jpg
DiSEGNO 61

DiSEGNO 62.jpg
DiSEGNO 62

DiSEGNO 63.jpg
DiSEGNO 63

DiSEGNO 64.jpg
DiSEGNO 64

DiSEGNO 65.jpg
DiSEGNO 65

DiSEGNO 66.jpg
DiSEGNO 66

DiSEGNO 67.jpg
DiSEGNO 67

DiSEGNO 68.jpg
DiSEGNO 68

DiSEGNO 69.jpg
DiSEGNO 69

DiSEGNO 70.jpg
DiSEGNO 70

DiSEGNO 71.jpg
DiSEGNO 71

DiSEGNO 72.jpg
DiSEGNO 72

DiSEGNO 73.jpg
DiSEGNO 73

DiSEGNO 74.jpg
DiSEGNO 74

DiSEGNO 75.jpg
DiSEGNO 75

DiSEGNO 76.jpg
DiSEGNO 76

DiSEGNO 77.jpg
DiSEGNO 77

DiSEGNO 78.jpg
DiSEGNO 78

DiSEGNO 79.jpg
DiSEGNO 79

DiSEGNO 80.jpg
DiSEGNO 80

DiSEGNO 81.jpg
DiSEGNO 81

DiSEGNO 82.jpg
DiSEGNO 82

DiSEGNO 83.jpg
DiSEGNO 83

DiSEGNO 84.jpg
DiSEGNO 84

DiSEGNO 85.jpg
DiSEGNO 85

DiSEGNO 86.jpg
DiSEGNO 86

DiSEGNO 87.jpg
DiSEGNO 87

DiSEGNO 88.jpg
DiSEGNO 88

DiSEGNO 89.jpg
DiSEGNO 89

DiSEGNO 90.jpg
DiSEGNO 90

DiSEGNO 91.jpg
DiSEGNO 91

DiSEGNO 92.jpg
DiSEGNO 92

DiSEGNO 93.jpg
DiSEGNO 93

DiSEGNO 94.jpg
DiSEGNO 94

DiSEGNO 95.jpg
DiSEGNO 95

DiSEGNO 96.jpg
DiSEGNO 96

DiSEGNO 97.jpg
DiSEGNO 97

DiSEGNO 98.jpg
DiSEGNO 98

DiSEGNO 99.jpg
DiSEGNO 99

DiSEGNO 100.jpg
DiSEGNO 100

DiSEGNO 101.jpg
DiSEGNO 101

DiSEGNO 102.jpg
DiSEGNO 102

DiSEGNO 103.jpg
DiSEGNO 103

DiSEGNO 104.jpg
DiSEGNO 104

DiSEGNO 105.jpg
DiSEGNO 105

DiSEGNO 106.jpg
DiSEGNO 106

DiSEGNO 107.jpg
DiSEGNO 107

DiSEGNO 108.jpg
DiSEGNO 108

DiSEGNO 109.jpg
DiSEGNO 109

DiSEGNO 110.jpg
DiSEGNO 110

DiSEGNO 111.jpg
DiSEGNO 111

DiSEGNO 112.jpg
DiSEGNO 112

DiSEGNO 113.jpg
DiSEGNO 113

DiSEGNO 114.jpg
DiSEGNO 114

DiSEGNO 115.jpg
DiSEGNO 115

DiSEGNO 116.jpg
DiSEGNO 116

DiSEGNO 117.jpg
DiSEGNO 117

DiSEGNO 118.jpg
DiSEGNO 118

DiSEGNO 119.jpg
DiSEGNO 119

DiSEGNO 120.jpg
DiSEGNO 120

DiSEGNO 121.jpg
DiSEGNO 121

DiSEGNO 122.jpg
DiSEGNO 122

DiSEGNO 123.jpg
DiSEGNO 123

DiSEGNO 124.jpg
DiSEGNO 124

DiSEGNO 125.jpg
DiSEGNO 125

DiSEGNO 126.jpg
DiSEGNO 126

DiSEGNO 127.jpg
DiSEGNO 127

DiSEGNO 128.jpg
DiSEGNO 128

DiSEGNO 129.jpg
DiSEGNO 129

DiSEGNO 130.jpg
DiSEGNO 130

DiSEGNO 131.jpg
DiSEGNO 131

DiSEGNO 132.jpg
DiSEGNO 132

DiSEGNO 133.jpg
DiSEGNO 133

DiSEGNO 134.jpg
DiSEGNO 134

DISEGNO 135.jpg
DISEGNO 135

DiSEGNO 136.jpg







-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





TAGLIOSCRITTURE



                       TAGLIOSCRITTURE  


                       TAGLIOSCRITTURE

























TAGLIOSCRITTURE : " CEPPI " e altro... Selezione di opere dal 1986 al 1992






                             RIVISTA ART LEADER








    Dalla rivista  Images Art&Life Anno VII 1993




















































































                  Pannelli non illuminati

















                                                 ----------------------------------------



AUDIOPERFORMANCE SUONI IN TRANCE... " OMÀ "


Monte San Giusto ( MC.) MARCHE 1994
 " OMÀ origina da una urgenza personale che mi porta allo studio, registrazione ed elaborazione dei rumori all'interno delle fabbriche, in particolar modo dei calzaturifici. Al rumore originale della trancia ( macchina che si adopera e ho adoperato per anni per tagliare perlopiù il pellame ) che mi è servito da base ho inventato e commisto un suono, un lamento umano, verbale , come una lingua altra che potesse rappresentare idealmente una lingua comune ai lavoratori di ogni nazionalità impiegati nei calzaturifici e soprattutto che potesse risuonare nella mente di ognuno, come un originale mantra ( unione tra parole sanscrite " manas " ovvero mente e " trayati " che vuol dire liberare ) che come a me permettesse di ricordare e nello stesso tempo liberare ... "

Sergio Carlacchiani


                                          Testo, ideazione e cura di Sergio Carlacchiani
                                          Registrazione, elaborazione e realizzazione anno 1994.







                    -----------------------------------------------------------------------------
























Sergio Carlacchiani presenta una selezione delle sue TAGLIOSCRITTURE : 
LIBRI OGGETTO , FABBRICHE, DONNE MODELLO e ZINCHI.





































































FABBRICHE IN PELLE DI ANIMALE ...


























                                                            ------------------------------






                                            DONNE MODELLO























                                                            ------------------------------





            LASTRE DI ZINCO + OSSIDO


      




































































































 

































                                                ---------------------------------------------








VIDEO - 1992  Sergio Carlacchiani in video in fabbrica             " Il reale procede per forme " Dalla produzione, allo scarto ... Recupero e realizzazione dei manufatti artistici.






                                                       -------------------------------



















Taglioscritture poema-oggetto 1.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 1

Taglioscritture poema-oggetto 2.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 2

Taglioscritture poema-oggetto 3.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 3

Taglioscritture poema-oggetto 4.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 4

Taglioscritture poema-oggetto 5.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 5

Taglioscritture poema-oggetto 6.jpg
Taglioscritture poema-oggetto 6

Taglioscritture zincofoglio 1.jpg
Taglioscritture zincofoglio 1

Taglioscritture zincofoglio 2.jpg
Taglioscritture zincofoglio 2

Taglioscritture zincofoglio 3.jpg
Taglioscritture zincofoglio 3

Taglioscritture zincofoglio 5.jpg
Taglioscritture zincofoglio 5

Taglioscritture zincofoglio 6.jpg
Taglioscritture zincofoglio 6

Taglioscritture zincofoglio 7.jpg
Taglioscritture zincofoglio 7

Taglioscritture zincofoglio 8.jpg
Taglioscritture zincofoglio 8

Taglioscritture zincofoglio 9.jpg
Taglioscritture zincofoglio 9

Taglioscritture zincofoglio 10.jpg
Taglioscritture zincofoglio 10

Taglioscritture zincofoglio 11.jpg
Taglioscritture zincofoglio 11

Taglioscritture zincofoglio 12.jpg
Taglioscritture zincofoglio 12

Taglioscritture zincofoglio 13.jpg
Taglioscritture zincofoglio 13

Taglioscritture zincofoglio 14.jpg
Taglioscritture zincofoglio 14

Taglioscritture zincofoglio 15.jpg
Taglioscritture zincofoglio 15

Taglioscritture zincofoglio 16.jpg
Taglioscritture zincofoglio 16

Taglioscritture zincofoglio 17.jpg
Taglioscritture zincofoglio 17

Taglioscritture zincofoglio 18.jpg
Taglioscritture zincofoglio 18

Taglioscritture zincofoglio 19.jpg
Taglioscritture zincofoglio 19

Taglioscritture zincofoglio 20.jpg
Taglioscritture zincofoglio 20

Taglioscritture zincofoglio 21.jpg
Taglioscritture zincofoglio 21

Taglioscritture zincofoglio 22.jpg
Taglioscritture zincofoglio 22

Taglioscritture zincofoglio 23.jpg
Taglioscritture zincofoglio 23

Taglioscritture zincofoglio 24.jpg
Taglioscritture zincofoglio 24

Taglioscritture zincofoglio 25.jpg
Taglioscritture zincofoglio 25

Taglioscritture zincofoglio 26.jpg
Taglioscritture zincofoglio 26

Taglioscritture zincofoglio 27.jpg
Taglioscritture zincofoglio 27

Taglioscritture zincofoglio 28.jpg
Taglioscritture zincofoglio 28

Taglioscritture zincofoglio 29.jpg
Taglioscritture zincofoglio 29

Taglioscritture zincofoglio 30.jpg
Taglioscritture zincofoglio 30

Taglioscritture zincofoglio 31.jpg
Taglioscritture zincofoglio 31

Taglioscritture zincofoglio 32.jpg
Taglioscritture zincofoglio 32

Taglioscritture zincofoglio 33.jpg
Taglioscritture zincofoglio 33

Taglioscritture zincofoglio 34.jpg
Taglioscritture zincofoglio 34

Taglioscritture zincofoglio 35.jpg
Taglioscritture zincofoglio 35

Taglioscritture zincofoglio 36.jpg
Taglioscritture zincofoglio 36

Taglioscritture zincofoglio 37.jpg
Taglioscritture zincofoglio 37

Taglioscritture zincofoglio 38.jpg
Taglioscritture zincofoglio 38

Taglioscritture zincofoglio 39.jpg
Taglioscritture zincofoglio 39

Taglioscritture zincofoglio 40.jpg
Taglioscritture zincofoglio 40

Taglioscritture zincofoglio 41.jpg
Taglioscritture zincofoglio 41

Taglioscritture zincofoglio 42.jpg
Taglioscritture zincofoglio 42

Taglioscritture zincofoglio 43.jpg
Taglioscritture zincofoglio 43

Taglioscritture zincofoglio 44.jpg
Taglioscritture zincofoglio 44

Taglioscritture zincofoglio 45.jpg
Taglioscritture zincofoglio 45

Taglioscritture zincofoglio 46.jpg
Taglioscritture zincofoglio 46

Taglioscritture zincofoglio 47.jpg
Taglioscritture zincofoglio 47

Taglioscritture zincofoglio 48.jpg
Taglioscritture zincofoglio 48

Taglioscritture zincofoglio 49.jpg
Taglioscritture zincofoglio 49

Taglioscritture zincofoglio 50.jpg
Taglioscritture zincofoglio 50

Taglioscritture zincofoglio 51.jpg
Taglioscritture zincofoglio 51

Taglioscritture zincofoglio 52.jpg
Taglioscritture zincofoglio 52

Taglioscritture zincofoglio 53.jpg
Taglioscritture zincofoglio 53

Taglioscritture zincofoglio 54.jpg
Taglioscritture zincofoglio 54

Taglioscritture zincofoglio 55.jpg
Taglioscritture zincofoglio 55

Taglioscritture zincofoglio 56.jpg
Taglioscritture zincofoglio 56

Taglioscritture zincofoglio 57.jpg
Taglioscritture zincofoglio 57

Taglioscritture zincofoglio 58.jpg
Taglioscritture zincofoglio 58

Taglioscritture zincofoglio 59.jpg
Taglioscritture zincofoglio 59

Taglioscritture zincofoglio 60.jpg
Taglioscritture zincofoglio 60

Taglioscritture zincofoglio 61.jpg
Taglioscritture zincofoglio 61

Taglioscritture zincofoglio 62.jpg
Taglioscritture zincofoglio 62

Taglioscritture zincofoglio 63.jpg
Taglioscritture zincofoglio 63

Taglioscritture zincofoglio 65.jpg
Taglioscritture zincofoglio 65

Taglioscritture zincofoglio 66.jpg
Taglioscritture zincofoglio 66

Taglioscritture zincofoglio 67.jpg
Taglioscritture zincofoglio 67

Taglioscritture zincofoglio 68.jpg
Taglioscritture zincofoglio 68

Taglioscritture zincofoglio 69.jpg
Taglioscritture zincofoglio 69

Taglioscritture zincofoglio 70.jpg
Taglioscritture zincofoglio 70

Taglioscritture zincofoglio 71.jpg
Taglioscritture zincofoglio 71

Taglioscritture zincofoglio 72.jpg
Taglioscritture zincofoglio 72

Taglioscritture zincofoglio 73.jpg
Taglioscritture zincofoglio 73

Taglioscritture zincofoglio 74.jpg
Taglioscritture zincofoglio 74

Taglioscritture zincofoglio 75.jpg
Taglioscritture zincofoglio 75

Taglioscritture zincofoglio 76.jpg
Taglioscritture zincofoglio 76

Taglioscritture zincofoglio 77.jpg
Taglioscritture zincofoglio 77

Taglioscritture zincofoglio 78.jpg
Taglioscritture zincofoglio 78

Taglioscritture zincofoglio 79.jpg
Taglioscritture zincofoglio 79

Taglioscritture zincofoglio 80.jpg
Taglioscritture zincofoglio 80

Taglioscritture zincofoglio 81.jpg
Taglioscritture zincofoglio 81

Taglioscritture zincofoglio 82.jpg
Taglioscritture zincofoglio 82

Taglioscritture zincofoglio 83.jpg
Taglioscritture zincofoglio 83

Taglioscritture zincofoglio 84.jpg
Taglioscritture zincofoglio 84

Taglioscritture zincofoglio 85.jpg
Taglioscritture zincofoglio 85

Taglioscritture zincofoglio 86.jpg
Taglioscritture zincofoglio 86

Taglioscritture zincofoglio 87.jpg
Taglioscritture zincofoglio 87

Taglioscritture zincofoglio 88.jpg
Taglioscritture zincofoglio 88

Taglioscritture zincofoglio 89.jpg
Taglioscritture zincofoglio 89

Taglioscritture zincofoglio 90.jpg
Taglioscritture zincofoglio 90

Taglioscritture zincofoglio 91.jpg
Taglioscritture zincofoglio 91

Taglioscritture zincofoglio 92.jpg
Taglioscritture zincofoglio 92

Taglioscritture zincofoglio 93.jpg
Taglioscritture zincofoglio 93

Taglioscritture zincofoglio 94.jpg
Taglioscritture zincofoglio 94

Taglioscritture zincofoglio 95.jpg
Taglioscritture zincofoglio 95

Taglioscritture zincofoglio 96.jpg
Taglioscritture zincofoglio 96

Taglioscritture zincofoglio 97.jpg
Taglioscritture zincofoglio 97

Taglioscritture zincofoglio 98.jpg
Taglioscritture zincofoglio 98

Taglioscritture zincofoglio 99.jpg
Taglioscritture zincofoglio 99

Taglioscritture zincofoglio 100.jpg









------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




MOSTRE, ESPOSIZIONI VARIE E ALTRO...




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





                    La Casa di Peschi

Museo Civico Villa Colloredo Mels, Recanati (MC) 28.07.2012







“La casa di Peschi” è la titolazione di un evento organizzato dal Comune di Recanati, Assessorato alla Cultura, da Spazio Cultura - Recanati e dalla Associazione Peschi – Macerata e dalla Provincia di Macerata, per ricordare lo spirito e la volontà dello scultore Umberto Peschi. Questa Manifestazione, nei locali del Museo Civico di Villa Colloredo Mels, in Recanati, verrà inaugurata sabato 28 luglio 2012 alle ore 18,30,e resterà aperta sino al 16 settembre.

“La casa di Peschi” è una metafora di ciò che Peschi è stato come uomo e come artista, la sua casa appunto ne rappresentava le idee, le aspirazioni, il raro idealismo, la vita semplice totalmente dedicata all’arte. Nei suoi disegni quella casa doveva essere un luogo d’arte aperto, disponibile all’incontro di artisti e appassionati, oltre che testimonianza della sua vicenda artistica e di una storia, a partire dagli anni ’30, di cui in terra marchigiana egli fu co-protagonista. Ricostituire idealmente questo luogo che fisicamente non esiste più, significa invitare artisti giovani e meno giovani a ricostituire una cerchia che ne rappresentasse le idee, l’onestà intellettuale, l’alto concetto della professione artistica. Da allora dove l’arte sorride c’è sempre “la casa di Peschi”. Questa occasione vedrà esposte opere di circa cento artisti di fama nazionale che hanno realizzato appositamente i loro lavori su carta e opere scultoree. Un incontro con grandi esponenti dell’arte che sono riusciti a presentare i loro intendimenti poetici evidenziando il fervore creativo degli anni che viviamo. Una iniziativa che il Comune di Recanati propone, nel ricordo di Umberto Peschi, con artisti che allacciano un intenso colloquio con noi suggerendo identità del presente ed eventualità del futuro.

Inaugurazione 28 luglio ore 18.30

Museo Civico Villa Colloredo Mels
via Gregorio XII - Recanati (MC)
Orario: lun-dom 10-13 e 15-18



Un omaggio a Umberto Peschi. Circa 100 artisti nazionali hanno realizzato appositamente lavori su carta e opere scultoree.





La casa di Peschi 1 /

Recanati, Villa Colloredo Mels, 28 luglio - 16 settembre 2012

La Mostra è stata la prima di una serie di manifestazioni dedicate ad Umberto Peschi nella ricorrenza del centesimo anniversario della nascita e ventesimo della morte (1912 – 1992) in programma nel secondo semestre del 2012; ha avuto il suo luogo ideale di svolgimento in Recanati, sede dell’ultima esposizione dell’artista ancora vivente, chiusa per singolare coincidenza appena il giorno precedente la sua morte (15 novembre 1992). Si trattava della Mostra “Dall’Architettura alla Poetica dei luoghi”,  promossa dalla Facoltà di Ingegneria di Ancona e dal Comune di Recanati, che aveva avuto come protagonisti otto artisti marchigiani di diverse generazioni ed aveva rappresentato, come fu scritto, un “passaggio delle consegne tra il grande Maestro e le giovani leve, le sperimentazioni più significative” (Lucilla Niccolini).
Riallacciandosi idealmente a quell’evento, la Mostra "La casa di Peschi " ha visto esposte opere di cento artisti di fama nazionale che hanno realizzato appositamente i loro lavori su carta o in sculture.

La casa di Peschi ”, che ha dato il titolo all’evento, è una metafora di ciò che Peschi è stato come uomo e come artista, del sogno da lui coltivato di fare della sua casa un centro di studi artistici, un luogo dove l’arte potesse essere appunto “di casa”. La Mostra di Recanati ha ricostituito idealmente questo “luogo” grazie all’apporto di artisti giovani e meno giovani, tutti di grande prestigio, che operano con lo stesso alto concetto della professione artistica e con la loro militanza evidenziano il fervore creativo degli anni che viviamo.

IL CATALOGO "LA CASA DI PESCHI"
Per sfogliare il catalogo cliccare sull'immagine di copertina
All’iniziativa di questa mostra di un centinaio di artisti a Villa Colloredo Mels in Recanati, e poi in una seconda fase a Macerata in Palazzo Buonaccorsi e in altri siti del centro storico del capoluogo, si è inteso dare un significato che le circostanze del Centenario della nascita  di Umberto Peschi  e il Ventennale della sua morte (1912 – 1992) lasciano intuire solo parzialmente.  Nel ricordo di questo artista che tanto significato e seguito ha avuto nel contesto artistico provinciale e regionale, si è voluta esprimere una militanza che si riallaccia idealmente a quella stessa che egli ha vissuto personalmente nell’arte. La risposta generosa di artisti di varie generazioni che più o meno direttamente lo hanno conosciuto, e la loro partecipazione con un’opera dai più realizzata appositamente per la mostra, è sembrato un atto significativo per la prosecuzione ideale di ciò che ne è stato pretesto e riferimento.  Ricordare non solo a parole ma operando e condividendo con un pubblico interessato i risultati di un lavoro artistico è sicuramente la migliore delle celebrazioni.
Umberto Peschi ha operato con umiltà, quasi nascondendosi nel suo lavoro, dietro a un’attiva quanto intima  e sobriamente espressa passione per l’arte, che ha costituito il suo impegno anche civile di uomo e di cittadino, nella sfera privata e in quella pubblica  comunitaria. I contatti avuti con altri artisti all’interno di gruppi e nella cerchia amicale, il suo interesse per i giovani più promettenti, il magistero svolto in ambito scolastico e infine la sua partecipazione a livello creativo a un’espressione quanto più caratterizzante l’epoca, sia in senso linguistico che poetico, sono i riferimenti  autentici di questa rassegna artistica.
Si è pensato di dedicare a Peschi il pensiero di ciò che egli, pur desiderandolo ardentemente  non poté realizzare. La si è voluta ricostruire idealmente quella casa che aveva in mente di donare. “La casa di Peschi” è appunto il titolo che si è voluto proporre per questa mostra. Peschi aveva la casa sempre aperta agli amici e sappiamo che essa era soprattutto aperta all’arte. Nei suoi progetti, che purtroppo un destino avverso avrebbe poi infranto, questa casa e tutte le opere in essa contenute, sarebbero state patrimonio comune, per la sua città, per la sua gente, per la larga schiera del suo “parentado” in arte. Ebbene questa mostra, nel ricordarne il centenario della nascita e il ventennale della morte, vuole essere un’appendice ideale di questo suo sogno, per fare in  modo che il suo testamento d’artista (quello resta comunque nelle opere e nel suo ricordo) sia noto e serva anche alle generazioni che di lui non hanno potuto avere una conoscenza diretta e personale, perché il suo magistero, oggi così raro e prezioso, continui ad essere un arricchimento per tutti.




 





Si è svolta dal 28 luglio al 16 settembre 2012, nei locali del Museo Civico di Villa Colloredo Mels, in  Recanati, la Mostra “La casa di Peschi”, evento organizzato dal Comune di Recanati - Assessorato alla Cultura-,    dalla Provincia di Macerata, dalla Associazione Spazio Cultura di Recanati e dalla Associazione Peschi di Macerata, per ricordare lo spirito e la volontà dello scultore Umberto Peschi.
Curatori della Mostra: Roberto Rossini e Mauro Mazziero.


Gli artisti presenti


Maurizio Arcangeli
Patrizia Baldoni
Antonio Baleani
M. Antonietta Barnaba
Ezio Bartocci
Gastone Biggi
Ewa Blaszak
Renata Boero
Cecco Bonanotte
Clara Bonfiglio
Severino Braccialarghe
Mauro Brattini
Italo Bressan
Ugo Caggiano
Marco Campanelli
Gaetano Carboni
Sergio Carlacchiani
Paolo Castelli
Maria Grazia Ceccaroni
Alberto Cecchini
Manuela Cerolini
Gloria  Cervigni
Caterina Ciabocco
Fausto Copparo
Silvio Craia
Giovanbattista De Andreis
Roberto De Santis
Adolfina De Stefani
Egidio Del Bianco
Gianluca Di Pasquale
Anna Donati
Diego Esposito
Marco Fantini
Salvatore Fornarola
Franco Giuli
Paolo Gobbi
Manuela Grelloni
Gaetano Grillo
Marco Grioli
Paolo Gubinelli
Hsiao Chin
Carlo Iacomucci
Antonio Ievolella
Kei Nakamura
Giorgio Kiaris
Petra Lange
Alberto Lanteri
Giuliano Mammoli
Antonello Mantovani
Teresa Marasca
Carlo Marchetti
Gastone Mariani
Giuseppe Marino
Franco Marrocco
Sandro Martini
Stefania Massaccesi
Mauro Mazziero
Marina Mentoni
Piero Mezzabotta
Franco Morresi
Silvio Natali
Niba
Salvatore Nicola
Angela Occhipinti
Massimiliano Orlandoni
Giuseppe Paccamiccio
Ermenegildo Pannocchia
Gianfranco Pasquali
Sandro Pazzi
Marco Pellizzola
Giulio Perfetti
Piero Piangerelli
Oscar Piattella
Riccardo Piccardoni
Sandro Piermarini
Ferdinando Piras
Stefano Pizzi
Marco Puca
Alessandra Pucci
Sirio Reali
Nino Ricci
Beppe Sabatino
Ubaldo Sagripanti
Serena Scopini
Dino Sileoni
Fosco Sileoni
Fausta Squatriti
Ciro Stajano
Alessandro Taglioni
Franco Torcianti
Roberto Torregiani
Anna Uncini
Valerio Valeri
Grazia Varisco
Mario Verolini
William Xerra
Yeonghan Kim
Andrea Zega 















VIDEO Pubblicato il 30 lug 2012
Recanati, La casa di Peschi nel Museo Civico di Villa Colloredo Mels un alto incontro artistico









 Alla mostra la mia opera era presente e appare anche nel video ma purtroppo nel catalogo no... So di certo che è stata colpa di una " svista " che può succedere ....






















 Caro Lucio, purtroppo sono cose che possono accadere, ai voglia se ti perdono! Tutto sommato ci ho guadagnato visto che al posto dell'immagine del mio dipinto sul mio catalogo c'è questo tuo scritto che per il mio cuore ha molto  più valore!

Sergio Carlacchiani 










Naturalmente l'opera la dono alla Casa di Peschi con molto piacere!




 








--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Le Marche e il XX secolo. Atlante degli artisti.

 

 



 Le Marche e il XX secolo. A cura di Armando Ginesi. Testi di Mariano Apa, Giancarlo Bassotti, Lucio Del Gobbo, Annalisa Filonzi, Armando Ginesi, Gabriele Tinti. Jesi, Banca Marche - Federico Motta, 2006. In-4 (cm 31 x 23,5), cartone editoriale, sovraccoperta, pagine 397. Riccamente illustrato a colori. In ottimo stato. 

Motta 24 ore Cultura, 2007.  A cura di Armando Ginesi. Milano, 2007; ril., pp. 399, ill. e tavv. col. bn, cm 24,5x31,5. In questo volume gli autori intendono delineare uno "status" dell'arte marchigiana del XX secolo evidenziandone le direttrici connotative. La scelta degli artisti presentati nell'atlante è stata guidata dal grado di incisività che essi hanno esercitato nella realtà nazionale o internazionale. 

Artisti presenti: Joyce Albergine - Vitaliano Angelini - Sante Arduini - Alberto Barbadoro - Arnaldo Battistoni - Renato Bertini - Claudio Boccolacci - Giorgio Bompadre - Renato Bruscaglia - Anselmo Bucci - Nino Caffè - Adriano Calavalle - Pier Paolo Calzolari - Maria Pia Campagna - Luigi Campanelli - Luigi Carboni - Francesco Carnevali - Leonardo Castellani - Carlo Ceci - Claudio Cesarini - Nori de Nobili - Antonio Delle Rose - Marcello Diotallevi - Giorgio Facchini - Alessandro Gallucci - Giovanni Gentiletti - Alberto Giorgi - Gabriele Giorgi - Fathi Hassan - Carlo Iacomucci - Fulvio Ligi - Elio Marchegiani - Bruno Marcucci - Pino Mascia - Eliseo Mattiacci - Rocco Natale - Leonardo Nobili - Paolo Paolucci - Giuseppe Papagni - Giordano Perelli - Alessandro Petromilli - Walter Piacesi - Oscar Piattella - Riccardo Piccardoni - Stefano Pigini - Arnaldo Pomodoro - Giò Pomodoro - Giancarlo Pucci - Natalia Ribes Hankins - Enrico Ricci - Luigi Rincicotti - Virginio Rossi - Pietro Sanchini - Loreno Sguanci - Paolo Soro - Mario Tozzi - Ettore Travaglini - Nanni Valentini - Walter Valentini - Giuliano Vangi - Renato Volpini Urbani - Abel Zelman - Tullio Zicari - Attilio Alfieri - Stefano Alfieri - Philippe Artias - Anna Baroni - Ezio Bartocci - Raul Bartoli - Luigi Bartolini - Raul Batocco - Mario Bellagamba - Paolo Benvenuti - Rodolfo Bersaglia - Alberto Berti - Cristiano Berti - Ulisse Gaetano Bianchini (Guelfo) - Sanzio Blasi - Bernardo Bosi - Corrado Cagli - Camillo Caglini - Andrea Cangemi - Franco Carotti - Alfio Castelli - Giuseppe Cavalli - Carlo Cecchi - Leonardo Cemak - Giuseppe Ceramicola - Luciano Antonio Collamati - Corrado Corradi - Enzo Cucchi - Dragan Culic - Salvatore S'Addario - Bruno Marsili (Bruno da Osimo) - Bruno d'Arcevia (Bruno Bruni) - Giovanni Battista De Andreis - Gino de Dominicis - Luciano de Vita - Chiara Diamantini - Luciano Dionisi - Franco Falaschini - Bruno Fanesi - Gilberto Filippetti - Silvia Fiorentino - Maria Cristina Fioretti - Francesco Garofoli - Mario Giacomelli - Franco Giuli - Otello Giuliodori - Jose Guevara - Floriano Ippoliti - Carlo Javarone - Marzia Luchetti - Giannetto Magrini - Bruno Mangiaterra - Edgardo Mannucci - Stefania Massacesi - Patrizia Molinari - Mario Mosca - Massimiliano Orlandoni - Julian Pacheco - Dante Panni - Enzo Parisi - Luigi Pennacchietti - Piero Piangerelli - Attilio Pierelli - Francesco Rossini - Nicola Rossini - Quirino Ruggeri - Augusto Salati - Gino Sampaolesi - Mario Sasso - Roberto Stelluti - Orfeo Tamburi - Luigi Teodosi - Stefano Tonti - Franco Torcianti - Valeriano Trubbiani - Giuseppe Uncini - Valerio Valeri - Giorgio Villa - Rita Vitali Rosati - Franco Zingaretti - Alfredo Alimento - Dino Baiocco - Ubaldo Bartolini - Ivo Batocco - Biagio Biagetti - Ewa Blaszak - Virginio Bonifazi - Pino Bosco - Mauro Brattini - Carlo Bruzzesi - Guido Bruzzesi - Alfonso e Massimiliano Cacchiarelli Principi - Ugo Caggiano - Stefano Calisti - Pietro Capozucca - Sergio Carlacchiani - Agostino Cartuccia - Paolo Castelli - Rodolfo Ceccaroni - Giuliano Ceresani - Eugenio Cerfoglio - Valeria Ciaffi Angelini - Giacomo Ciamberlini - Arnoldo Ciarrocchi - Claudio Cintoli - Giorgio Ciommei - Fausto Copparo - Corneille - Silvio Craia - Luigi Cristallini - Arnolfo Crucianelli - Isabella Crucianelli - Giuseppe De Angelis - Egidio del Bianco - Anna Donati - Fabio Failla - Elvidio Farabollini - Dante Ferretti - Nicole Gabbucci Wagenbach - Gabriele Galantara - Lorenzo Gigli - Sergio Graziosi - Paolo Gobbi - Paolo Gubinelli - Sesto Americo Luchetti - Paolo Magri Tilli - Giuseppe Mainini - Teresa Marasca - Marone Marcelletti - Cesare Marcorelli - Gino Marotta - Massimo Melloni - Marina Mentoni - Maria Micozzi - Sante Monachesi - Vicenzo Monti - Franco Morresi - Magdalo Mussio - Silvio Natali - Paolo Pace - Ivo Pannaggi - Ermenegildo Pannocchia - Gianfranco Pasquali - Corrado Pellini - Cesare Peruzzi - Umberto Peschi - Sandro Piermarini - Renato Pizzi - Alessandro Pucci - Sirio Reali - Luigi Ricci - Nino Ricci - Scipione (Gino Bonichi) - Dino Sileoni - Bruno Tano - Graziella Tognetti - Eraldo Tomassetti - Roberto Torregiani - Wladimiro Tulli - Francesco Vitalini - Luca Zampetti - Zoren - Vittorio Amadio - Nino Anastasi - Nino Andreoli - Primo Angellotti - Arnoldo Anibaldi - Paolo Annibali - Govanni Beato - Benedetto Bustini - Giuseppe Canali - Giulio Cantalamessa - Domenico Cantatore - Cleto Capponi - Roberto Capriotti - Gaetano Carboni - Agostino Caselli - Alfredo Cifani - Piernicola Cocchiaro - Paolo Consorti - Mauro Crocetta - Claudio D'Angelo - Adolfo de Carolis - Roberto de Santis - Ernesto Ercolani - Giovanni Ercoli - Renzo Eusebi - Terenzio Eusebi - Pericle Fazzini - Domenico Ferri - Salvatore Fornarola - Luigi Gentile - Uno Gera - Giuliano Giuliani - Raffaele Iommi - Angelo Landi - Giuseppe Leti - Osvaldo Licini - Marcello Lucadei - Nazareno Luciani - Mario Lupo - Fausto Luzi - Ciro Maddaluno - Armando Marchegiani - Arnaldo Marcolini - Marisa Marconi - Fabrizio Mariani - Giuseppe Marinucci - Didimo Nardini - Luciana Nespeca - Luciano Nespeca - Gaetano Orsolini - Alfio Ortenzi - Clara Paci - Giulia Panichi - Giuseppe Pauri - Andrea Pazienza - Sandro Pazzi - Carlo Pennacchietti - Tullio Pericoli - Augusto Piccioni - Diego Pierpaoli - Giuliano Pulcini - Domenico Pupilli - Elio Libero Quintili - Saverio Riganò - Gisella Rossi - Luigi Schiocchetti - Aldo Sergiacomi - Ludovico Spagnolini - Igino Stella - Franco Testa - Luana Trapè - Alessandro Trotti 










Le Marche e il XX secolo: atlante degli artisti


In questo volume gli autori intendono delineare uno "status" dell'arte marchigiana del XX secolo evidenziandone le direttrici connotative. La scelta degli artisti presentati nell'atlante è stata guidata dal grado di incisività che essi hanno esercitato nella realtà nazionale o internazionale.




Scipione, Osvaldo Licini, Anselmo Bucci, Pericle Fazzini, Orfeo Tamburi, Corrado Cagli, Arnaldo e Gio’ Pomodoro, Enzo Cucchi, ( sino a quelli meno conosciuti ma comunque importanti, come Sergio Carlacchiani ): questi pochi esempi sono sufficienti a farsi un’idea del novero delle grandi personalità che arricchiscono l’arte marchigiana del secolo scorso.
Non è possibile scrivere una storia dell’arte italiana del Novecento prescindendo dalla produzione dei pittori, degli scultori, degli incisori marchigiani per nascita o per adozione. Eppure, un’organica storia dell’arte marchigiana nel XX secolo mancava nel panorama della letteratura scientifica, e questo volume Le Marche e il XX secolo, pubblicato dalla Federico Motta Editore, intende colmare questa cospicua lacuna. A una premessa redatta da Mariano Apa, e a un saggio introduttivo in cui Armando Ginesi legge la recente storia delle Marche alla luce dei suoi riflessi culturali, seguono quattro sezioni nelle quali, provincia per provincia, vengono schedati oltre trecento artisti. Alle note biografiche e stilistiche si accompagnano le riproduzioni delle opere più significative. Il repertorio, esauriente oltre che spettacolare nella sua veste grafica, si presenta dunque come di sicura utilità tanto per gli "addetti ai lavori" quanto per tutti gli appassionati di storia dell’arte. Cartonato con sovraccoperta.


Editore: MOTTA FEDERICO
Pubblicazione: 09/2007











-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




































--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
















-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------










 











 










 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

















 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





















-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





























All' inaugurazione della mostra seguì una storica performance realizzata da Sergio Carlacchiani e Gini Sampaolesi : " Siamo sulla stessa barca voliamo, volare! " , che il pubblico allora  presente ancora ricorda per l'emozione che destò ...




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
































 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




















 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------













 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
































 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



 

 

 




 

  Sergio Carlacchiani tra i premiati della sezione pittura

 

 

 

 

VERBALE DELLA GIURIA



COMMISSIONE DI PREMIAZIONE:

Presidente      -          Prof.ssa Silvia Sassi Cuppini, Istituto di Storia dell’Arte – Università di Urbino
Membro          -          Prof. Giuseppe Cucco, Istituto di Storia dell’Arte – Università di Urbino
                       -          Dott.ssa Lara Cicetti, Critico d’Arte
                       -          Dott. Gabriele Simongini, Critico d’Arte
                       -          Dott. Lucio Del Gobbo, Critico d’Arte
                       -          Prof. Vincenzo Cecchini, Pittore
                       -          Prof. Leo Strozzieri, Critico d’Arte
Segretario      .           Dott. Stefano Trojani

 

 


PREMI ACQUISTO – UNIVERSITA’ DI URBINO





Yoshiko Hirata
Clodoveo Masciarelli
Paolo Morri
Luca Zampetti




PREMI ACQUISTO – COMUNE DI SASSOFERRATO


PITTURA


Gianluca Canonici
Marco Pascarella
Rosaria Tavilla
Enrico Branchini
Annamaria Ronconi
Rita Soccio
Sergio Carlacchiani
Paolo Porelli
Guido Morelli
Fernando DiStefano
Sabina Alessi
Rachele Fraticelli
Biancamaria Eleuteri
Luciano Latini
Luca Valerio
Lorenzo Romani
Fausta D’Ubaldo
Stelvio Santarelli



 

SCULTURA

Annamaria Quarato

GRAFICA
Federica Carnaroli
Enea Sorini
Maria Cristiana Fioretti
Sandro Pazzi
Anna Battistini


LIBRO D’ARTISTA

Luciano Bongiovanni
Augusto Salati

 

EX-LIBRIS

Nazareno Della Rocca

PICCOLA EUROPA


PITTURA
Kristina Lovisa Fernlund


SCULTURA

Frédèric Lancon



 

 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
















VIDEO - Sergio Carlacchiani 3° premio alla Marguttiana di pittura a San Severino Marche Marche.









  --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------















VIDEO INTERVISTA - Sergio Carlacchiani mostra i suoi oggetti artistici allo Studio Modulo di Corridonia










Apertura della mostra di Sergio Carlacchiani  allo studio Modulo di Corridonia - Video -











-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




















 -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






 -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Dal 16 al 30 GIUGNO 1993 ALLA SCOLETTA SAN ZACCARIA DI VENEZIA ESPONE SERGIO CARLACCHIANI

All'inaugurazione seguirà una performance dell'artista.
 











 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------













-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------










-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------












-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


SENIGALLIA - MOSTRA INTERNAZIONALE : DEDICATO DONNA










 





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------














-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
























-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


In queste due mostre Sergio Carlacchiani partecipa come pittore ma anche come performer e proprio in questa veste lascerà un ricordo indelibile in tutti i partecipanti ai due eventi...




























-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




























VIDEO RIGUARDANTI LA MOSTRA


Sergio Carlacchiani intervistato parla della sua  mostra " Taglioscritture " 
 






Sergio Carlacchiani innaugura la sua mostra Taglioscritture ad Ascoli Piceno 

 





Sergio Carlacchiani e le sue opere in mostra alla galleria l' Idioma di Ascoli Piceno








Sergio Carlacchiani visita un laboratorio per la manifattura di calzature" Il reale procede per forme ..."











--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




























Con molta gioia  e un pizzico di orgoglio posso affermare che la mia opera fu una delle poche opere battute in asta e vendute!






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------























--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------













--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








 














--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







































--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





































VIDEO INERENTI ALLA MOSTRA






Sergio Carlacchiani presenta per " Circus ", la sua mostra di Taglioscritture, alla Galleria Contemporanea di Civitanova Marche











Sergio Carlacchiani viene intervistato dal giornalista Giuliano Forani, del Resto del Carlino, sulla sua mostra" Taglioscritture "








---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------











----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
















----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


















“Altre Architetture”, esposizione e performance. Palazzo San Gallo, Tolentino (MC).1989 VIDEO









---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------














----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





2001 - SERGIO CARLACCHIANI ESPONE PRESSO LA GALLERIA COMUNALE DI MORROVALLE



























----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
















--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
























-


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
































--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------











--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






  A MACERATA ESPONE L'ARTISTA SERGIO CARLACCHIANI











                      Solitudini e Spiritelli









      VIDEO INERENTI ALLA MOSTRA
“Solitudini e spiritelli”, personale e performance di Sergio Carlacchiani alla Galleria del Teatro di Macerata 1995.






Sergio Carlacchiani intervistato da Debora Rosciani per la mostra "Solitudini e spiritelli"








Sergio Carlacchiani torna a Tvrs per parlare della sua mostra " Solitudini e spiritelli"



























                                              ------------------------------------------------------


































































                                        ---------------------------------------------------------------



Solitudini 1.jpg
Solitudini 1

Solitudini 2.jpg
Solitudini 2

Solitudini 3.jpg
Solitudini 3

Solitudini 4.jpg
Solitudini 4

Solitudini 5.jpg
Solitudini 5

Solitudini 6.jpg
Solitudini 6

Solitudini 7.jpg
Solitudini 7

Solitudini 8.jpg
Solitudini 8

Solitudini 9.jpg
Solitudini 9

Solitudini 10.jpg
Solitudini 10

Solitudini 11.jpg
Solitudini 11

Solitudini 12.jpg
Solitudini 12

Solitudini 13.jpg
Solitudini 13

Solitudini 14.jpg
Solitudini 14

Solitudini 15.jpg
Solitudini 15

Solitudini 16.jpg
Solitudini 16

Solitudini 17.jpg
Solitudini 17

Solitudini 18.jpg
Solitudini 18</